PompeiiinPictures

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. House with the garden.

Originally referred to as Casa con Giardino.

Excavated 2018.

 

Part 1      Part 2      Part 3      Plan

 

We have constructed the new rooms on this page from press material and photos produced by the Parco Archeologico di Pompei.

Our grateful thanks to the Parco Archeologico di Pompei for giving us permission to use their press releases and photos.

 

Abbiamo costruito le nuove ambiente in questa pagina da materiale stampa e foto prodotte dal Parco Archeologico di Pompei.

Ringraziamo il Parco Archeologico di Pompei per averci dato il permesso di utilizzare i loro comunicati stampa e le loro foto.

 

Because the house is not yet open to public access, we have not been able to visit to verify everything, so you should take this into account when using this page.

We believe we have built a reasonably accurate interpretation and further changes will be made as more information becomes available.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018.  Parco Archeologico di Pompei plan of the house.

Parco Archeologico di Pompei planimetria della casa.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018.  Parco Archeologico di Pompei plan of the house.

 

Parco Archeologico di Pompei planimetria della casa.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Giardino / Garden

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Garden area during excavations.

Giardino durante gli scavi.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Garden area during excavations.

 

Giardino durante gli scavi.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Centre of the garden. Fluted pillar, with a large piece of marble slab on top.
This pillar probably originally supported a stone basin (labrum) and was later reused as a support for a tabletop.

Centro del giardino. Colonna scanalata, con un grande pezzo di lastra di marmo sulla parte superiore.
Questo pilastro probabilmente originariamente sosteneva un bacino di pietra (labrum) e fu successivamente riutilizzato come supporto per un tavolo.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Centre of the garden. Fluted pillar, with a large piece of marble slab on top.

This pillar probably originally supported a stone basin (labrum) and was later reused as a support for a tabletop.

 

Centro del giardino. Colonna scanalata, con un grande pezzo di lastra di marmo sulla parte superiore.
Questo pilastro probabilmente originariamente sosteneva un bacino di pietra (labrum) e fu successivamente riutilizzato come supporto per un tavolo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Garden. In the centre of the garden is a fluted pillar with a large piece of marble slab on top.
At a higher level, there is a large open space, probably a garden, with some amphorae still in situ (at the time of discovery). 
At the centre of the garden emerged a fluted pillar, with a large piece of marble slab, the pillar probably originally supported a stone basin (labrum) but was later reused as a support for a tabletop.
Some tree roots have been brought into evidence through the plaster cast technique. 
The garden is bordered to the east by the Casa della Soffitta, to the west by the street recently named the Vicolo dei Balconi (street of the balconies), while to the north is bordered by a Portico with at least three columns and, on the back, some pillars, with traces of fresco.

A un livello superiore, c'è un grande spazio aperto, probabilmente un giardino, con alcune anfore ancora in situ (al momento della scoperta).
Al centro del giardino emerse un pilastro scanalato, con un grande pezzo di lastra di marmo, il pilastro probabilmente originariamente sosteneva un bacino di pietra (labrum) ma fu successivamente riutilizzato come supporto per un tavolo.
Alcune radici degli alberi sono state messe in evidenza attraverso la tecnica del calco in gesso.
Il giardino è delimitato a est dalla Casa della Soffitta, a ovest dalla strada recentemente chiamata il Vicolo dei Balconi, mentre a nord è delimitato da un Portico con almeno tre colonne e, sul lato dietro, alcuni pilastri, con tracce di affresco.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Garden. In the centre of the garden is a fluted pillar with a large piece of marble slab on top.

At a higher level, there is a large open space, probably a garden, with some amphorae still in situ (at the time of discovery).

At the centre of the garden emerged a fluted pillar, with a large piece of marble slab, the pillar probably originally supported a stone basin (labrum) but was later reused as a support for a tabletop.

Some tree roots have been brought into evidence through the plaster cast technique.

The garden is bordered to the east by the Casa della Soffitta, to the west by the street recently named the Vicolo dei Balconi (street of the balconies), while to the north is bordered by a Portico with at least three columns and, at the rear, some pillars, with traces of fresco.

 

A un livello superiore, c'è un grande spazio aperto, probabilmente un giardino, con alcune anfore ancora in situ (al momento della scoperta).
Al centro del giardino emerse un pilastro scanalato, con un grande pezzo di lastra di marmo, il pilastro probabilmente originariamente sosteneva un bacino di pietra (labrum) ma fu successivamente riutilizzato come supporto per un tavolo.
Alcune radici degli alberi sono state messe in evidenza attraverso la tecnica del calco in gesso.
Il giardino è delimitato a est dalla Casa della Soffitta, a ovest dalla strada recentemente chiamata il Vicolo dei Balconi, mentre a nord è delimitato da un Portico con almeno tre colonne e, sul lato dietro, alcuni pilastri, con tracce di affresco.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. During excavations in 2018. The garden is behind the columns.

Durante gli scavi nel 2018. Il giardino è dietro le colonne.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. During excavations in 2018. The garden is in the upper right, behind the columns.

 

Durante gli scavi nel 2018. Il giardino è dietro le colonne.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. View south to garden, across atrium 5 and portico 10.

Vista da sud a giardino, attraverso l’atrium 5 e portico 10.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Looking south from rear of house, towards portico 10, and garden behind.  

 

Guardando a sud dalla parte posteriore della casa, verso portico 10, e giardino

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Ingresso/Entrance.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Facade under excavation with entrance from the Vicolo dei Balconi.
The housing complex had its main access from the Vicolo dei Balconi, through a monumental doorway with two capitals and a masonry cornice.

Il complesso abitativo aveva il suo accesso principale dal vicolo dei Balconi, attraverso una porta monumentalizzata da due capitelli “a dado” e da una cornice in muratura.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Facade under excavation with entrance from the Vicolo dei Balconi.
The housing complex had its main access from the Vicolo dei Balconi, through a monumental doorway with two square capitals and a masonry cornice.

 

Il complesso abitativo aveva il suo accesso principale dal vicolo dei Balconi, attraverso una porta monumentalizzata da due capitelli “a dado” e da una cornice in muratura.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Entrance from the Vicolo dei Balconi
Front. Fauces, ambiente 8 and ambiente 7.
Ambiente 5 atrium with portico 10 right and garden. 
Ambiente 3 behind atrium. Ambiente 1 to right.

The housing complex had its main access from the Vicolo dei Balconi, through a monumental door with two capitals "dice shaped" and a masonry frame; the narrow entrance led to an atrium (ambiente 5), in turn communicating with a portico (ambiente 10) opening onto the garden and supported by masonry columns, resting on a plinth decorated with frescoes on a black background depicting flowering plants.

Ingresso dal Vicolo dei Balconi
Davanti. Fauces, ambiente 8 e ambiente 7.
Dietro ambiente 5 atrio, con portico 10 a destra e giardino.
Ambiente 3 dietro l'atrio. Ambiente 1 a destra.

Il complesso abitativo aveva il suo accesso principale dal vicolo dei Balconi, attraverso una porta monumentalizzata da due capitelli “a dado” e da una cornice in muratura; lo stretto ingresso immetteva in un atrio (ambiente 5), a sua volta comunicante con un portico (ambiente 10) aperto sul giardino e sostenuto da colonne in muratura, poggianti su una zoccolatura decorata da affreschi su fondo nero raffiguranti piante fiorite.

http://pompeiisites.org/wp-content/uploads/Cartella-stampa-visita-Ministro-2.pdf

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Entrance from the Vicolo dei Balconi
Lower left – fauces/entrance corridor.

Lower right – room 8 and room 7.

Centre left – atrium, room 5.

Upper left – room 3.

Upper centre left – room 1.

Upper right – portico 10, and garden area.

 

The housing complex had its main access from the Vicolo dei Balconi, through a monumental door with two square capitals, and a masonry cornice; the narrow entrance led to an atrium (room 5), in turn communicating with a portico (room 10) opening onto the garden and supported by masonry columns, resting on a plinth decorated with frescoes on a black background depicting flowering plants.

 

Ingresso dal Vicolo dei Balconi

Davanti. Fauces, ambiente 8 e ambiente 7.

Dietro ambiente 5 atrio, con portico 10 a destra e giardino.

Ambiente 3 dietro l'atrio. Ambiente 1 a destra.

 

Il complesso abitativo aveva il suo accesso principale dal vicolo dei Balconi, attraverso una porta monumentalizzata da due capitelli “a dado” e da una cornice in muratura; lo stretto ingresso immetteva in un atrio (ambiente 5), a sua volta comunicante con un portico (ambiente 10) aperto sul giardino e sostenuto da colonne in muratura, poggianti su una zoccolatura decorata da affreschi su fondo nero raffiguranti piante fiorite.

 

http://pompeiisites.org/wp-content/uploads/Cartella-stampa-visita-Ministro-2.pdf

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Graffiti

Two scurrilous graffiti were found inscribed on the south wall of the entrance, immediately outside of the door of the house –

 

Leporis fellas”

 

and

 

“Lucius cunnilingus”

 

Graffiti

Due graffiti scurrilosi sono stati trovati incisi sulla parete sud dell'ingresso, subito fuori dalla porta della casa –

 

Leporis fellas”

e

“Lucius cunnilingus”

 

See Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli, (p.146 and 147, and fig.12).

 

Ambiente 1, oecus

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Ambiente 1. North pillar of doorway and part of north wall.

Ambiente 1. Pilastro nord della porta e parte della parete nord.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

See House east of the Vicolo dei Balconi

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. May 2018. Room 1. North pillar of doorway and part of north wall.

 

Ambiente 1. Pilastro nord della porta e parte della parete nord.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

See House east of the Vicolo dei Balconi

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Ambiente 1, view to the east wall. Both the portico and the rooms that faced it have a rich fresco decoration. In
particular, a room has been excavated with in the middle of one wall is a painted architectural decoration, an idyllic-sacral picture, with cult scenes in a woodland environment. Similar paintings, but in a worse state of preservation, decorated two more walls of the same room.

Ambiente 1, vista sulla parete est. Sia il portico, sia le stanze che vi si affacciavano, presentano una ricca decorazione ad affresco. In particolare, una stanza ha restituito, al centro di una parete con finta decorazione architettonica, un quadretto idillico-sacrale, con scene di culto in un ambiente boschivo. Quadretti analoghi, ma in peggiori condizioni di conservazione, decoravano altre due pareti della stessa stanza.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Room 1, looking towards the east wall. Both the portico and the rooms that faced it have a rich fresco decoration.

In particular, in this room in the middle of one wall (the south wall, on right) is a painted architectural decoration, an idyllic-sacral picture, with cult scenes in a woodland environment. Similar paintings, but in a worse state of preservation, decorated two more walls of the same room.

 

Ambiente 1, vista sulla parete est. Sia il portico, sia le stanze che vi si affacciavano, presentano una ricca decorazione ad affresco. In particolare, una stanza ha restituito, al centro di una parete con finta decorazione architettonica, un quadretto idillico-sacrale, con scene di culto in un ambiente boschivo. Quadretti analoghi, ma in peggiori condizioni di conservazione, decoravano altre due pareti della stessa stanza.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 1, south wall, with sacred landscape.

Ambiente 1, parete sud, con paesaggio sacro.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 1, looking towards the south wall, with central painting of sacred landscape.

 

Ambiente 1, parete sud, con paesaggio sacro.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Sacred landscape found during excavations. 
In the rooms north of the garden rather devastated by the excavations of the eighteenth century, was a picture depicting a scene of sacrifice at a rural sanctuary. 

Paesaggio sacro trovato durante gli scavi.
Nelle sale a nord del giardino piuttosto devastate dagli scavi del XVIII secolo, c’era un quadro raffigurante una scena di sacrificio in un santuario rurale.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Room 1, south wall. Detail of sacred landscape found during excavations.

 

Paesaggio sacro trovato durante gli scavi.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. November 2018. Ambiente 1, north of the garden. Wall with sacred landscape found during 2018 excavations. 
Tiles from the roof are on the floor.

Ambiente 1, a nord del giardino. Muro con paesaggio sacro trovato durante gli scavi del 2018.
Tegole dal tetto sono sul pavimento.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. November 2018.

Room 1, looking towards south wall, towards wall with sacred landscape found during 2018 excavations.

Tiles from the roof are on the floor.

 

Ambiente 1, guardando verso la parete sud, verso la parete con il paesaggio sacro trovato durante gli scavi 2018.

Tegole dal tetto sono sul pavimento.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 1, right and ambiente 3, left.

Ambiente 1, destra e ambiente 3, a sinistra.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 3, triclinium, on left. Room 1, oecus, on right. Looking east across portico 10 towards doorways.

 

Ambiente 3, triclinio, a sinistra. Ambiente 1, oecus, a destra. Guardando ad est attraverso portico 10 verso le porte.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Ambiente 3, large triclinium

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 3, north wall with fresco of Venus and cupid.

Ambiente 3, parete nord con affresco di Venere e amorino.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 3, looking towards north wall with fresco of Venus and cupid (Venus fishing).

On the east side of the central painting is the medallion with a female face.

On the west wall, but not photographed here, was the central painting of Hercules in the presence of Deianira or Omphale.

In this room, the walls are decorated with large scenes, almost real megalographies.

The flooring was of cocciopesto.

At the rear, across corridor 9, the top of the doorways to rooms 12 and 4, can be seen.

See Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli, (p.142)

 

Ambiente 3, parete nord con affresco di Venere e amorino.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. View north from ambiente 3 across ambiente 9 and to the door to ambiente 4.

Vista a nord dall'ambiente 3 attraverso l'ambiente 9 e alla porta all'ambiente 4.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 3, detail of painting on north wall.

 

Ambiente 3, dettaglio della pittura sulla parete nord.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 3, north wall, east end. A very refined female portrait, perhaps, according to PAP, depicting the mistress of the house.

Ambiente 3, parete nord, estremità est. Un ritratto femminile molto raffinato, forse, secondo PAP, raffigurante la domina della casa.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 3, east end of north wall.  

A very refined female medallion portrait, perhaps, according to PAP, depicting the mistress of the house.

 

Ambiente 3, parete nord, estremità est. Un ritratto femminile molto raffinato, forse, secondo PAP, raffigurante la domina della casa.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 3, north end of east wall, painting of a cupid.

Ambiente 3, estremità nord della parete est, dipinto di un amorino.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 3, east wall, north end, painting of a cupid.

 

Ambiente 3, estremità nord della parete est, dipinto di un amorino.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 3, east wall. 
In one of the rooms it is decorated with large scenes, almost real megalographies. In one we recognize Venus with a male figure (perhaps Adonis or Paris) and with Eros.

In uno degli ambienti è decorato con scene di grandi dimensioni, quasi vere e proprie megalografie. In una si riconoscono Venere con una figura maschile (forse Adone o Paride) e con Eros.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 3, east wall.

On this wall, we recognize Venus with a male figure (perhaps Adonis or Paris) and with Eros.

 

In uno degli ambienti è decorato con scene di grandi dimensioni, quasi vere e proprie megalografie. In una si riconoscono Venere con una figura maschile (forse Adone o Paride) e con Eros.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 3, east wall. Painting of Venus with a male figure (perhaps Adonis or Paris) and with Eros.

Dipinti di Venere con una figura maschile (forse Adone o Paride) e con Eros.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 3, east wall. Detail of painting of Venus with a male figure (perhaps Adonis or Paris) and with cupid Eros.

 

Ambiente 3, parete est. Particolare della pittura di  Venere con una figura maschile (forse Adone o Parigi) e con Cupido Eros.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. View of portico 10 from ambiente 3. A bronze jug is on the floor of ambiente 3.

Vista di portico 10 dall'ambiente 3. Una brocca di bronzo è sul pavimento dell'ambiente 3.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Room 3, lower south wall near doorway onto portico 10.

Looking south-west from doorway across portico towards doorway to room 7.

A bronze jug is on the floor of room 3.

Provenanced from this room was a bronze jug with handle inset with silver.

See Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli, (p.142)

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Bronze handle with head and inset silver.

Maniglia in bronzo con testa e argento incassato.  

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Bronze handle with head and inset silver.

 

Maniglia in bronzo con testa e argento incassato. 

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Inset silver in bronze handle.

Argento incassato in maniglia in bronzo.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. Inset silver in bronze handle.

 

Argento incassato in maniglia in bronzo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

Ambiente 4. (no photograph available).

 

 

Ambiente 5. Atrio. Atrium.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. View east to atrium, ambiente 5.
In front are the fauces, ambiente 8 and ambiente 7 with portico 10 right and garden behind. 

Vista da est a atrio, ambiente 5.
Di fronte sono i fauces, ambiente 8 e ambiente 7, con portico 10 a destra e giardino dietro.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 5, atrium, looking south-east from above entrance corridor/fauces.

Room 8, and room 7, are in the lower right.

Portico 10, with the garden, are in the upper right.  

 

Vista da est a atrio, ambiente 5.

Di fronte sono i fauces, ambiente 8 e ambiente 7, con portico 10 a destra e giardino dietro.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. View south from the unexcavated area across ambiente 5, atrium, with portico 10 behind and garden at rear.

Vista a sud dalla zona non scavata attraverso ambiente 5, atrio, con portico 10 dietro e giardino sul retro.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Looking south from rear of house, towards room 3, centre left, and room 5, atrium, centre right.

From both rooms 3 and 5, were doorways onto the portico 10, and garden to south.

 

Guardando a sud dalla parte posteriore della casa, verso la stanza 3, il centro a sinistra e la stanza 5, atrio, centro destra.

Da entrambe le camere 3 e 5, erano porte sul portico 10, e giardino a sud.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 5, north end of atrium during excavations. The site of the charcoal inscription is at the top of the pink plaster on the east wall to the right.

Ambiente 5, estremità nord dell'atrio durante gli scavi.
Il sito dell'iscrizione a carbone è nella parte superiore dell'intonaco rosa sulla parete est a destra.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 5, north end of atrium during excavations. Looking towards north-east corner of atrium and corridor 9.

The site of the charcoal inscription is at the top of the pink plaster on the east wall, on the right.

 

Ambiente 5, estremità nord dell'atrio durante gli scavi.

Guardando verso l'angolo nord-est dell'atrio e del corridoio 9.

Il sito dell'iscrizione a carbone è nella parte superiore dell’intonaco rosa sulla parete est a destra.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 9 corridor (left) at north end of east wall of atrium. 

Ambiente 9 corridoio (a sinistra) all'estremità nord della parete est di atrio.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 5, atrium, with corridor 9, on left, at north end of east wall of atrium.

The site of the charcoal inscription is at the top of the pink plaster on the east wall.

 

Ambiente 9 corridoio (a sinistra) all'estremità nord della parete est di atrio.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Atrium 5. Charcoal Inscription. 
The walls of the atrium and the entrance corridor have preserved a considerable amount of graffiti, in the course of study, with phrases, in some cases of obscene character, and with drawings (including some stylized faces). In an unusual way, drawings traced with lime or plaster have been preserved in good condition, including one depicting a caricatured human face in profile, and with charcoal, also in this case human faces. Between these latter is also this charcoal inscription, which would support the hypothesis that the eruption of 79 AD may have occurred October 24, rather than August 24th.

Atrio 5. Iscrizione al carbone.
Le pareti dell’atrio e del corridoio di ingresso hanno conservato una notevole quantità di graffiti, in corso di studio, con frasi, in alcuni casi di carattere osceno, e con disegni (tra cui alcuni volti stilizzati). In maniera insolita, si sono conservati in buone condizioni, disegni tracciati con calce o gesso, tra cui uno raffigurante un volto umano caricaturale di profilo, e con carbone, anche in questo caso volti umani. Tra quest’ultimi anche l’iscrizione a carboncino, che supporterebbe l’ipotesi che l’eruzione del 79 d.C. possa essere avvenuta il 24 ottobre, piuttosto che il 24 agosto.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Atrium 5. Charcoal Inscription.

The walls of the atrium and the entrance corridor have preserved a considerable amount of graffiti, in the course of study, with phrases, in some cases of obscene character, and with drawings (including some stylized faces). In an unusual way, drawings traced with lime or plaster have been preserved in good condition, including one depicting a caricatured human face in profile, and with charcoal, also in this case of human faces. Between the last was also a charcoal inscription, which would support the hypothesis that the eruption of 79 AD may have occurred October 24, rather than August 24th.

 

Atrio 5. Iscrizione al carbone.

Le pareti dell’atrio e del corridoio di ingresso hanno conservato una notevole quantità di graffiti, in corso di studio, con frasi, in alcuni casi di carattere osceno, e con disegni (tra cui alcuni volti stilizzati). In maniera insolita, si sono conservati in buone condizioni, disegni tracciati con calce o gesso, tra cui uno raffigurante un volto umano caricaturale di profilo, e con carbone, anche in questo caso volti umani. Tra quest’ultimi anche l’iscrizione a carboncino, che supporterebbe l’ipotesi che l’eruzione del 79 d.C. possa essere avvenuta il 24 ottobre, piuttosto che il 24 agosto.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.
An inscription written with charcoal, may revolutionize the history of Pompeii, finally allowing to date with greater certainty the eruption of 79 A.D., located so far in August.
Found, during the recent excavation of the "Casa con Giardino" in Regio V, on the wall of a room that, at the time of the eruption, was undergoing renovation, while the rest of the rooms had already been completed; works must therefore have been ongoing at the time of the eruption. The writing is dated to the sixteenth day before the Calends of November, corresponding to the 17th October.
The inscription reads: XVI (ante) K (aleNDAs) Nov (embres) in [d] ulsit pro Masumis Esurit [ions]
-"on October 17 indulged in food in an unrestrained way."
Since the material used to write on the wall could hardly have lasted for a long time, it is probable that the inscription was made in October 79 A.D., a week before the great catastrophe which, according to this hypothesis, would have happened on the 24th of that month.

Una labile scritta, fatta con un carboncino, rivoluziona la storia di Pompei, consentendo, finalmente, di datare con maggiore certezza l’eruzione del 79 d.C., collocata finora nel mese di Agosto.
Rinvenuta, durante il recente scavo della "casa con giardino" nella Regio V, sulla parete di una stanza che, al tempo dell’eruzione, era in corso di ristrutturazione, mentre il resto delle stanze era già stato completato; i lavori devono quindi essere stati in corso al momento dell'eruzione.
L’iscrizione recita: XVI (ante) K(alendas) Nov(embres) in[d]ulsit pro masumis esurit[ioni] 
- “Il 17 ottobre lui indulse al cibo in modo smodato”.
Poiché il materiale utilizzato per scrivere sul muro difficilmente avrebbe potuto resistere a lungo, è probabile che la scritta sia stata realizzata proprio nell’Ottobre del 79 d.C., una settimana prima della grande catastrofe che, secondo questa ipotesi, sarebbe avvenuta il 24 di quel mese.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Inscription found in atrium 5.

An inscription written with charcoal, may revolutionize the history of Pompeii, finally allowing to date with greater certainty the eruption of 79 A.D., located so far in August.
Found, during the recent excavation of the "Casa con Giardino" in Regio V, on the wall of a room that, at the time of the eruption, was undergoing renovation, while the rest of the rooms had already been completed; works must therefore have been ongoing at the time of the eruption. The writing is dated to the sixteenth day before the Calends of November, corresponding to the 17th October.

The inscription reads: XVI (ante) K (aleNDAs) Nov (embres) in [d] ulsit pro Masumis Esurit [ions]

-"on October 17 indulged in food in an unrestrained way."
Since the material used to write on the wall could hardly have lasted for a long time, it is probable that the inscription was made in October 79 A.D., a week before the great catastrophe which, according to this hypothesis, would have happened on the 24th of that month.

 

Iscrizione trovata nell'atrio 5.

Una labile scritta, fatta con un carboncino, rivoluziona la storia di Pompei, consentendo, finalmente, di datare con maggiore certezza l’eruzione del 79 d.C., collocata finora nel mese di Agosto.
Rinvenuta, durante il recente scavo della "casa con giardino" nella Regio V, sulla parete di una stanza che, al tempo dell’eruzione, era in corso di ristrutturazione, mentre il resto delle stanze era già stato completato; i lavori devono quindi essere stati in corso al momento dell'eruzione.

L’iscrizione recita: XVI (ante) K(alendas) Nov(embres) in[d]ulsit pro masumis esurit[ioni]

- “Il 17 ottobre lui indulse al cibo in modo smodato”.
Poiché il materiale utilizzato per scrivere sul muro difficilmente avrebbe potuto resistere a lungo, è probabile che la scritta sia stata realizzata proprio nell’Ottobre del 79 d.C., una settimana prima della grande catastrofe che, secondo questa ipotesi, sarebbe avvenuta il 24 di quel mese.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Scuola Normale 22nd Ottobre 2018.

 

La prof.ssa Giulia Ammannati della Scuola Normale sarà domani, 23 ottobre, a Pompei, invitata dal direttore generale del Parco Archeologico, Massimo Osanna, a una verifica diretta dell’epigrafe rinvenuta sul muro della Casa con Giardino, nel corso degli scavi nell’area della Regio V.

 

L’epigrafe ha suscitato grande interesse perché potrebbe spostare dal 24 agosto al 24 ottobre del 79 DC la data dell’eruzione che seppellì la cittadina romana nei pressi di Napoli. La ricercatrice e docente di Paleografia della Scuola Normale, alla quale si deve, per esempio, il recupero delle iscrizioni della Cappella degli Scrovegni a Padova, ha suggerito che la scritta su cui tutti concordano, e cioè «XVI (ante) K (alendas) Nov (embres) » debba essere integrata con il seguente testo, di cui si intravede una parte: «In Olearia Proma Sumserunt ». La traduzione dell’intera epigrafe sarebbe dunque: «il 17 ottobre hanno preso nella dispensa olearia».

 

In precedenza l’epigrafista Antonio Varone e lo stesso Massimo Osanna avevano ipotizzato invece la seguente trascrizione: « XVI (ante) K (alendas) Nov (embres) indulsit pro masumis esurit». Ovvero «il diciassette ottobre indulse al cibo in modo smodato». Si tratta quindi di due letture ben diverse: secondo il significato proposto da Ammannati la frase sarebbe una sorta di annotazione di servizio, indicando un ambiente della domus adibito alla conservazione di cibo.

 

Il direttore generale Massimo Osanna ha intanto accettato come valida l’ipotesi di Ammannati, dandone comunicazione sulla pagina web del sito archeologico e dichiarando che sarà necessario scavare e trovare la “cella olearia”. Si potrà sapere qualcosa di più sul testo dell’iscrizione dagli esami spettrografici della scritta, realizzata con carboncino, che potrebbero portare alla luce parte del testo mancante.

 

Scuola Normale 22nd October 2018.

 

Professor Giulia Ammannati of the Scuola Normale will be tomorrow, October 23, in Pompeii, invited by the Director General of the Archaeological Park, Massimo Osanna, to a direct verification of the epigraph found on the wall of the House with Garden, during the excavations in the area of ​​the Regio V.

The epigraph aroused great interest because it could shift the date of the eruption that buried the Roman town near Naples from 24 August to 24 October. The researcher and professor of Palaeography of the Scuola Normale, to whom we owe, for example, the recovery of the inscriptions of the Scrovegni Chapel in Padua, suggested that the writing on which all agree, namely "XVI (ante) K (alendas) Nov (embres) "should be integrated with the following text, of which we can see a part:" In Olearia Proma Sumserunt ". The translation of the entire epigraph would therefore be: "October 17 they took it in the oil pantry".

Previously, the epigraphist Antonio Varone and Massimo Osanna himself had hypothesized the following transcription: "XVI (ante) K (alendas) Nov (embres) indulsit pro masumis esurit". That is "the seventeenth of October indulged in food in an unrestrained way". So these are two very different readings: according to the meaning proposed by Ammannati, the sentence would be a sort of service annotation, indicating a room of the domus used for food preservation.

The general manager Massimo Osanna has meanwhile accepted as valid the hypothesis of Ammannati, giving notice on the web page of the archaeological site and declaring that it will be necessary to excavate and find the "olive oil cell". It may be possible to learn more about the text of the inscription from spectrographic examinations of the writing, made with charcoal, which could bring to light some of the missing text.

 

See http://normalenews.sns.it/giulia-ammannati-a-pompei-per-verificare-liscrizione-rinvenuta-nella-casa-con-giardino/

 

See Parco Archeologico di Pompei press release and photo:  http://pompeiisites.org/comunicati/nuova-iscrizione-supporta-la-teoria-della-data-dell-eruzione/

 

Ambiente 6, cucina/kitchen.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Ambiente 6, room with collapsed roof. 

Ambiente 6, camera con tetto in crollo.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Room 6, area of kitchen with collapsed roof above.

 

Ambiente 6, camera con tetto in crollo.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 6, roof tiles.

Ambiente 6, tegole.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 6, roof tiles.

According to Osanna – the kitchen, situated in the extreme east of the house, preserved in situ the single-pitched roof with the circular opening in the roof to allow the smoke to escape, and one corner rain-water spout with lion, the latter element clearly reused and put in place in an unusual position.

See Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato. Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli, (p.138-139)

 

Ambiente 6, tegole.

Secondo Osanna – la cucina, situata nell'estremo est della casa, conservato in situ il tetto con l'apertura circolare nel tetto per consentire al fumo di sfuggire, e un angolo di acqua piovana beccuccio con leone, quest'ultimo elemento chiaramente riutilizzato e messo in atto in una posizione insolita.

Vedi Osanna M, 2019. Pompei. Il tempo ritrovato.  Le Nuove Scoperte. Milano: Rizzoli,  (p.138-139)

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Ambiente 6 room with intact roof. 

Ambiente 6 camera con tetto intatto.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. June 2018. Room 6, room with intact collapsed roof.

In the centre was the circular opening, lower left, and the rain-water spout in the shape of a lion, is in the upper right.

 

Ambiente 6, camera con tetto intatto.

Al centro c'era l'apertura circolare, in basso a sinistra, e il beccuccio di acqua piovana a forma di leone, è in alto a destra.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. View south from the unexcavated area with ambiente 6 left, showing part of collapsed roof.

Vista a sud dalla zona non scavata con ambiente 6 a sinistra, mostrando parte del tetto crollato.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

View south from the unexcavated area with room 6 on left, showing part of collapsed roof.

The kitchen was linked to the atrium by means of the corridor 9.

 

Vista a sud dalla zona non scavata con ambiente 6 a sinistra, mostrando parte del tetto crollato.

La cucina era collegata all'atrio per mezzo del corridoio 9.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Ambiente 7, day-cubiculum, for relaxing.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 7 is to the right covered in white material. Ambiente 8 is to its left (centre) and the fauces to the left.

Ambiente 7 è a destra coperto di materiale bianco. Ambiente 8 è a sinistra (al centro) e i fauces a sinistra.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018.

Room 7 is in the centre right at the west end of the portico 10, covered in white sheeting/material.

Room 8 is to its left (lower centre) and the fauces on the lower left.

 

Ambiente 7 è a destra coperto di materiale bianco. Ambiente 8 è a sinistra (al centro) e i fauces a sinistra.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018. View of portico 10 from ambiente 3. A bronze jug is on the floor of ambiente 3.

Vista di portico 10 dall'ambiente 3. Una brocca di bronzo è sul pavimento dell'ambiente 3.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. 2018.

Looking from room 3, across Portico 10, towards doorway to room 7 at the west end of the portico. 

 

Guardando dalla stanza 3, attraverso Portico 10, verso la porta alla stanza 7 all'estremità occidentale del portico.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 7. West wall with white walls, architectural painting and two niches. Below is a red zoccolo with plants. The north wall is to the right with the square niche of ambiente 8 behind.

Ambiente 7. Parete ovest con pareti bianche, pittura architettonica e due nicchie. Sotto c'è uno zoccolo rosso con piante. La parete nord è a destra con la nicchia quadrata dell'ambiente 8 dietro.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 7, looking towards north-west corner.

The west wall with white walls, architectural painting and two niches/recesses is on the left.

Below is a red zoccolo with painted plants.

The north wall is on the right with the square recess of room 8 visible behind.

 

Ambiente 7. Parete ovest con pareti bianche, pittura architettonica e due nicchie. Sotto c'è uno zoccolo rosso con piante. La parete nord è a destra con la nicchia quadrata dell'ambiente 8 dietro.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Ambiente 7. Detail of bird with cherries from the centre of the west wall.

Ambiente 7. Particolare di uccello con ciliegie dal centro della parete ovest.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

V.3 Pompeii. Casa del Giardino. October 2018. Room 7. Detail of bird with cherries from the centre of the west wall.

 

Ambiente 7. Particolare di uccello con ciliegie dal centro della parete ovest.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

Part 1      Part 2      Part 3      Plan

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 10-Mar-2020 21:20