PompeiiinPictures

I.1.6 Pompeii. Shop with dwelling. Linked to I.1.7, I.1.8 and I.1.9.

Excavated 1872.

 

I.1.6 Pompeii. September 2010. Looking east towards entrance on Via Stabiana. Photo courtesy of Drew Baker.

According to Warscher, quoting Mau in Bull.Inst 1875, p.30, I.1.6-9:  “Segue un altro albergo, molto simile a questo descritto.  Qui pure è interrotto il marciapiede per lasciar entrare i legni. L’entrata era chiuse mediante una porta a quattro partiti, congiunti a due adue, come si conosce dai quattro buchi per i chiavistelli.  Qui pure si entra prima in un compreso che ha le dimensioni d’una bottega grande con una dietrobottega e posteriormente si apre sopra una grande corte, lungo il cui muro di fondo qui pure si stende la stalla, larga 13,30, profonda 2,47 con una finestra sul vico settentrionale e due porte, una all’estremità meridionale, l’altra poco distante da quella settentrionale. 
Presso a quest’ultima una parte della corte è selciata.   Lungo il muro N vi sono due camere con finestre sul medesimo vico, e prossimo alla stalla il cesso.  Si vede anche il cesso del piano superiore e i tubi di mattone d’un terzo, che stava ancora più in alto.  
Nell’angolo NO vi sono I primi gradini d’una scala, la cui parte superiore sarà stata di legno, in quello SO l’apertura della cisterna, e accanto nella stessa massa di materiale una vasca lunga stretta e bassa, come quella sudescritta nella casa adiacente. 
Qui la vediamo frapposto fra la cisterna ed il muro di O, il che esclude categoricamente l’aver essa servito d’abbeveratoio.  Dalla parte più bassa di essa, aperta come nella casa sudescritta, l’acqua colava in un’altra vasca larga 1,02 x 1,54, di cui un lato viene formato dalla suddetta massa di fabbrica, uno dal muro occidentale, i due rimanenti da appositi muricciuoli.   Essa ha al fondo uno scolo verso N, che dà in un vaso ossia tubo di mattone, incastrato nel suolo. Nella parete vi era la pittura dei Lari, di cui sono rimasti soltanto i serpi. A destra dell’ingresso per i legni sta un locale come una bottega. 
L’essere esso congiunto mediante una porta con quel primo compreso, ove entravano i legni, ci lascia supporre, aver esso servito di caupona per i vetturini”.
See Warscher T., 1935. Codex Topographicus Pompeianus: Regio I.1/I.5. Rome: DAIR. (no.14)
(translation: “I.1.6-9: Followed another hotel, very similar to this.  Here also the pavement was interrupted to allow entry for the “carts?”/the wood?. The entrance was closed by a door of four entries, joined two by two, as you knew from the four holes for the bolts. Here we entered first into a complex that had the dimensions of a large shop with a rear-room and behind, it opened onto a large courtyard, along whose rear wall was the stable, l3,30 wide,  2,47 deep, with a window onto the northern roadway and two doorways, one at the extreme southern end, the other not far from the north. Near to this last, a part of the courtyard was paved. Along the north wall there were two rooms with windows onto the same roadway, and the toilet was next to the stables.  Also, you could see the toilet on the upper floor and the brick pipes of a third, who was even higher still. In the north-west corner , there were the first steps of a staircase, the upper part would have been of wood, in the south-west was the opening of the cistern, and nearby in the same mass of material there was a long narrow and low basin, the same as that described in the adjacent house. Here we see it came between the cistern and the west wall, which excluded categorically that it was used as a drinking trough. From the lower part of it, open as in the described house, water strained into another large basin 1,02 x 1,54, one side of which was formed by that mass of masonry, one from the western wall, the two remaining from suitable low walls.  It had at the bottom a drain to the north, which went into a jar or brick (terracotta?) pipe, buried in the ground. On the wall there was the painting of the Lares, of which only the serpents remained. To the right of the entrance for the carts, was a room like a shop. This was connected through a door with that first area, where the carts entered,

I.1.6 Pompeii. September 2010. Looking east towards entrance on Via Stabiana.

Photo courtesy of Drew Baker.

 

According to Warscher, quoting Mau in Bull.Inst 1875, p.30,

I.1.6-9: “Segue un altro albergo, molto simile a questo descritto.  Qui pure è interrotto il marciapiede per lasciar entrare i legni.

L’entrata era chiuse mediante una porta a quattro partiti, congiunti a due adue, come si conosce dai quattro buchi per i chiavistelli.

Qui pure si entra prima in un compreso che ha le dimensioni d’una bottega grande con una dietrobottega e posteriormente si apre sopra una grande corte, lungo il cui muro di fondo qui pure si stende la stalla, larga 13,30, profonda 2,47 con una finestra sul vico settentrionale e due porte, una all’estremità meridionale, l’altra poco distante da quella settentrionale.

Presso a quest’ultima una parte della corte è selciata. 

Lungo il muro N vi sono due camere con finestre sul medesimo vico, e prossimo alla stalla il cesso.

Si vede anche il cesso del piano superiore e i tubi di mattone d’un terzo, che stava ancora più in alto. 

Nell’angolo NO vi sono i primi gradini d’una scala, la cui parte superiore sarà stata di legno, in quello SO l’apertura della cisterna, e accanto nella stessa massa di materiale una vasca lunga stretta e bassa, come quella sudescritta nella casa adiacente.

Qui la vediamo frapposto fra la cisterna ed il muro di O, il che esclude categoricamente l’aver essa servito d’abbeveratoio.

Dalla parte più bassa di essa, aperta come nella casa sudescritta, l’acqua colava in un’altra vasca larga 1,02 x 1,54, di cui un lato viene formato dalla suddetta massa di fabbrica, uno dal muro occidentale, i due rimanenti da appositi muricciuoli. 

Essa ha al fondo uno scolo verso N, che dà in un vaso ossia tubo di mattone, incastrato nel suolo.

Nella parete vi era la pittura dei Lari, di cui sono rimasti soltanto i serpi.

A destra dell’ingresso per i legni sta un locale come una bottega.

L’essere esso congiunto mediante una porta con quel primo compreso, ove entravano i legni, ci lascia supporre, aver esso servito di caupona per i vetturini”.

See Warscher T., 1935. Codex Topographicus Pompeianus: Regio I.1/I.5. (no. 14), Rome: DAIR.

 

(translation: “I.1.6-9: Another hotel followed, very similar to that already described.  Here also the pavement was interrupted to allow entry for the “carts?”/the wood?.

The entrance was closed by a door of four entries, joined two by two, as you knew from the four holes for the bolts.

Here we entered first into a complex that had the dimensions of a large shop with a rear-room and behind, it opened onto a large courtyard, along whose rear wall was the stable, l3,30 wide,  2,47 deep, with a window onto the northern roadway and two doorways, one at the extreme southern end, the other not far from the north. Near to this last, a part of the courtyard was paved. Along the north wall there were two rooms with windows onto the same roadway, and the toilet was next to the stables.  Also, you could see the toilet on the upper floor and the brick pipes of a third, which was even higher still. In the north-west corner, there were the first steps of a staircase, the upper part would have been of wood, in the south-west was the opening of the cistern, and nearby in the same mass of material there was a long narrow and low basin, the same as that described in the adjacent house. Here we see it came between the cistern and the west wall, which excluded categorically that it was used as a drinking trough. From the lower part of it, open as in the described house, water strained into another large basin 1,02 x 1,54, one side of which was formed by that mass of masonry, one from the western wall, the two remaining from suitable low walls.  It had at the bottom a drain to the north, which went into a jar or brick (terracotta?) pipe, buried in the ground. On the wall there was the painting of the Lares, of which only the serpents remained. To the right of the entrance for the carts, was a room like a shop. This was connected through a door with that first area, where the carts entered, which allowed us to suppose, it had been used as a caupona for the carters.”)

 

I.1.6 Pompeii. September 2005.  Entrance to shop, linked to another inn at I.1.8.
See - Packer, Jim, Inns at Pompeii: a short survey. In Cronache Pompeiane, IV, 1978, (p.6-9).

I.1.6 Pompeii. September 2005.  Entrance to shop, linked to another inn at I.1.8.

See - Packer, Jim, Inns at Pompeii: a short survey. In Cronache Pompeiane, IV, 1978, (p.6-9).

 

I.1.6 Pompeii. September 2010. Doorway in north wall leading to large room of I.1.8. Photo courtesy of Drew Baker.

I.1.6 Pompeii. September 2010. Doorway in north wall leading to large room of I.1.8.

Photo courtesy of Drew Baker.

 

In Codex Topographicus Pompeianus: Regio I.1/I.5, (the copy at DAIR), Warscher included Viola’s description of the insula, from

Gli scavi di Pompei dal 1873 al 1878, introduzione (Pompei e la regione sotterrata dal Vesuvio nell’anno 1879, Napoli, 1879).

This is included at the end in all parts of I.1 on the website.

 

“Parlando dell’Insula I, Regio I – dicevo che in origine essa dovette essere unita all’isola V, la quale ha ricevuto questo numero sol perchè scavata posteriormente alle altre quattro della stessa regione.  La causa per cui questo spazio fu per mezzo di un vico diviso in due parti noi la ignoriamo, laddove non si può porre in dubbio che tutta questa seconda parte dovette appartenere a un solo proprietario, perchè quasi tutta occupata da un solo edifizio; che le altre due ristrettissima località furono ricavate posteriormente.

 

La sua area è di m.q. 1595-72: ed è limitata a settentrione dalla via tertia, che la separa dalla isola 2, ad oriente ed occidente da due vicoli privi di selciato, e a mezzogiorno dell’agger che fiancheggia le mura; senza dubbio essa faceva parte de’quartieri ignobili della citt à, almeno per quanto può congettarsi dal mestiere che vi si esercitasse e della rozzezza della costruzione.  Anche quivi avvennero frequenti trasformazioni, come affermano gli avanzi di costruzioni appartenenti a diverse epoche.

 

Come si vede dalla prefazione del prof. Viola – fu un malintese con la numerazione delle insulae della Regio I: non si aspettava che vi fosse un vicolo che separa l’insula I dell’insula vicina, e a questa altra fu dato il numero 5 – poichè i numeri 2, 3 e 4 sono stati dati alle insulae scavate prima.  Ma io sono dell’opinione che sia meglio non cambiare i numeri una volta dati, poichè sarebbe troppo difficile di orientarsi nei rendiconti contemporanei agli scavi.

 

Il vicolo che separa l’insula I della insula 5 – dà l’impressione di un passaggio stretto, nessuna porta, nessuna finestra non danno in questo vicolo.

 

La mia fotografia è molto tipica per l’insula intiera: muri di tufo o di pietra di Sarno completati nell’epoca tardiva di mattoni; non è possibile di seguire i cambiamenti che avevano luogo nell’insula in questione.  Noi abbiamo, come si vede tre case con thermopolia, cauponae per la gente povera.

 

Non è rimasta niente della pittura murale”.

See Warscher T., 1935. Codex Topographicus Pompeianus: Regio I.1/I.5. Rome: DAIR.

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 21-Feb-2019 18:45