PompeiiinPictures

47. Boscotrecase, Forno romano nella proprietà del Sacerdote D. Ippolito Cirillo.

Roman oven, part of a villa rustica.

In contrada Carotenuto a Boscotrecase, about 2 km. north of the contrada S. Maria Salòme.

Excavated 1885-6.

 

Nel tenimento di Boscotrecase, nel fondo del sac. d. Ippolito Cirillo, posto sulle pendici del Vesuvio nella contrada detta dei Carotenuto, alla distanza di quasi due chilometri da s. Maria Salome, frazione di Boscotrecase e a settentrione di Pompei, il detto proprietario facendo eseguire un cavo di pietra, per la costruzione di una casetta rurale, si è imbattuto in un forno antico, che ora è in gran parte demolito.

Vedi Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131, una copia è sotto.

 

In the area of Boscotrecase, at the fondo of the sac. d. Ippolito Cirillo, located on the slopes of Vesuvius in the contrada called the Carotenuto, at the distance of almost two kilometers from St. Maria Salome, hamlet of Boscotrecase and north of Pompeii, the said owner by digging stone for the construction of a rural cottage, came across an ancient oven, which is now largely demolished.

See Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131 a copy is below.

 

“According to the plan in CTP, (opp.p.22), the location of this roman oven would have been on the slopes of Vesuvius, east of Villa 62, north of Boscotrecase/Boscoreale. There are no further details in CTP.”

See Van der Poel, H. B., 1981. Corpus Topographicum Pompeianum, Part V. Austin: University of Texas.

 

“(72). Forno romano scoperto nella proprietà del Sacerdote Ippolito Cirillo in contrada Carotenuto a Boscotrecase, a ca. 2km. a nord della contr. S. Maria Salome.”

See Casale A., Bianco A., Primo contributo alla topografia del suburbio pompeiano: Supplemento al n. 15 di ANTIQUA ottobre-dicembre 1979, (No. 72, p. 43.) 

 

“Anno 1886 – Nella proprietà del sac. d. Ippolito Cirillo, contrada Carotenuto, si rinviene un forno romano, certamente facente parte di una villa rustica.”

See Prosperi M. and Casale A.,1988. Ipotesi e Testimonianze archeologiche sul suburbio di Pompei. Torre Annunziata: Centro Studi Arc, p. 21.

 

“Ritrovamento, nel 1885 o 1886, di un panificium con annesso forno, probabilmente appartenente ad un villa rustica”.

See Garcia y Garcia L., 2017. Scavi Privati nel Territorio di Pompei. Roma: Arbor Sapientiae, (p.136-37, “numbered as No. 22, already numbered as 47”.)

 

See Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131-132, (below).

 

Nota del Prof A. Sogliano.

 

Del forno propriamente detto, che presenta lo stesso tipo dei forni pompeiani, avanza una parte del suolo e della volta di mattoni; e il suo diametro interno poteva misurare circa un metro. Della stanza che lo conteneva è rimasta in piedi la parete settentrionale di opera incerta, alla quale era appunto addossato il forno. Fatta di scoria e di piccole pietre di tufo con rivestimento di intonaco rustico levigato, questa parete, all'altezza di m. 1,50 dal pavimento, ha una feritoia del pari rivestita di intonaco. Al di sotto di questa è praticato un incastro in senso orizzontale, lungo m. 1 ,45 e largo m. 1,15, che si estende fin sotto ad una piccola nicchietta semicircolare, posta accanto al forno e rivestita di rozzo intonaco. Mi si disse che in tale incastro erano murate tegole sporgenti; e poichè a 40 cent. al di sotto, sono praticati in linea parallela all'incastro, quattro fori poi per mutuli di sostegno a qualche palchetto di legno; così è da credere, che anche le tegole sporgenti da quell'incastro abbiano potuto servire di scansia. Il pavimento, del quale rimane un avanzo, era di buon mattone pesto, e si estendeva sin sotto il suolo del forno; al che se si aggiunge, che questo venne addossato alla parete già rivestita di intonaco, si può conchiudere che solo in un tempo posteriore la stanza sia stata destinata a contenere il forno. Della copertura di essa non si ha alcuna traccia, essendo caduto il sommo della parete settentrionale, che come si è detto, è l'unica rimasta in piedi. A sinistra, cioè ad occidente. appare una piccolissima parte di un'altra località attigua, rivestita anche d'intonaco, nel cui muro divisorio orientale, ora quasi tutto caduto, è ricavato un basso muricciuolo, il quale piuttosto che un sostegno di legno, credo sia uno dei poggiuoli che sorreggevano le tavole del panificium.

 

Nella nicchietta accanto al forno si dicono rinvenuti dei frammenti di vasetti fittili e di vetro. Certamente questo forno doveva far parte di una delle molte villae rusticae disseminate sulle pendici del Vesuvio.

 

Vedi Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131-132.

 

Note of Prof A. Sogliano.

 

Of the oven proper, which has the same type as the Pompeian ovens, a part of the soil and of the brick vault advances; and its inner diameter could measure about one meter. Of the room that contained it, the northern wall of opus incerta remained standing, to which the oven was attached. Made of slag and small tuff stones with a coating of rustic smooth plaster, this wall, at the height of m. 1,50 from the floor, has a slit of the same coated with plaster. Below this, a horizontal joint is made, along m. 1,45 and wide m. 1,15, which extends to below a small semi-circular niche, placed next to the oven and covered with rough plaster. I was told that protruding tiles were walled up in this joint; and as at 40 cms. below, four holes are made in a line parallel to the joint, then for brackets to support some wooden shelf; so it is to be believed that even the tiles protruding from that joint could have served as a shelf. The floor, of which little remains, was of good pesto brick, and extended from under the oven floor; to which, if you add, that this was placed against the wall already covered with plaster, it can be concluded that the room was destined to contain the oven only in later times. There is no trace of its covering, the top of the northern wall having fallen, and as we have said, is the only one left standing. Left, that is, to the west. a very small part of another adjoining place appears, also covered with plaster, in whose eastern dividing wall, now almost all fallen, there is a low wall, which rather than a wooden support, I believe is one of the balconies that supported the panificium tables.

 

Fragments of clay and glass jars are said to have been found in the small niche next to the oven. Certainly, this oven must have been part of one of the many villae rusticae scattered on the slopes of Vesuvius.

 

See Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131-132.

 

Boscotrecase, Forno romano nella proprietà del sac. Ippolito Cirillo. Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131.

Boscotrecase, Forno romano nella proprietà del sac. Ippolito Cirillo. Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, pp. 131.

 

Boscotrecase, Forno romano nella proprietà del sac. Ippolito Cirillo. Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, p. 132.

Boscotrecase, Forno romano nella proprietà del sac. Ippolito Cirillo. Notizie degli Scavi di Antichità, 1886, p. 132.

 

Note 1:

According to Garcia y Garcia,

Tegole con bollo di N SILLIVS N si sono trovati anche nelle ville da noi elencate sotto i nn. 15, 26, 30, 56 e 64.

Lo stesso marchio era stato ritrovato nel 1973 a Boscoreale;

Vedi Casale A., Bianco A., Primo contributo alla topografia del suburbio pompeiano: Supplemento al n. 15 di ANTIQUA ottobre-dicembre 1979, p. 33, no.11.

 

(Tiles with the stamp of N SILLIVS N have also been found in the villas Garcia y Garcia lists as 15, 26, 30, 56 and 64.

The same mark was found in 1973 in Boscoreale;

See Casale A., Bianco A., Primo contributo alla topografia del suburbio pompeiano: Supplemento al n. 15 di ANTIQUA ottobre-dicembre 1979, p. 33, no.11.)

 

Note 2:

On our website we have used the plan and numbers from Kockel 1985 –

Garcia y Garcia uses different numbers:

 

His Villa 15 is our No.51

His Villa 26 is our No.15

His Villa 30 is our No.23

His Villa 56 is our No.24

His Villa 64 is our No.43

 

See Garcia y Garcia L., 2017. Scavi Privati nel Territorio di Pompei. Roma: Arbor Sapientiae, (p.136-37, “numbered as No. 22, already numbered as 47”.)

See Kockel V. Funde und Forschungen in den Vesuvstadten 1: Archäologischer Anzeiger, Heft 3. 1985,

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 15-Dec-2019 20:57