PompeiiinPictures

V.8 Pompeii? L’Affresco dei Gladiatori Combattenti. Nuova scoperta Ottobre 2019

Bar with fresco of gladiatorial contest. Newly excavated October 2019.

 

Area behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento.
The bar is centre front in this photo which would appear to locate it in the as yet unnamed insula behind V.3 (=V.8?). 
See MiBAC video of Gladiatori Combattenti on YouTube: https://youtu.be/sqq__TTvu5g
Photograph and video courtesy of MiBAC. Use subject to Creative Commons - Attribuzione - versione 3.0.
See commentary by Minister Dario Franceschini on YouTube: https://youtu.be/NvmRXTWRuYw

Area behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento.

The bar is centre front in this photo which would appear to locate it in the as yet unnamed insula behind V.3 (=V.8?).

See MiBAC video of Gladiatori Combattenti on YouTube: https://youtu.be/sqq__TTvu5g

Photograph and video courtesy of MiBAC. Use subject to Creative Commons - Attribuzione - versione 3.0.

See commentary by Minister Dario Franceschini on YouTube: https://youtu.be/NvmRXTWRuYw

 

The fresco of about 1.12m x 1.5m, found in an environment behind the wide intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze d’Argento, has the shape of a trapezoid, as it was placed under the stairs, perhaps of a workshop. Above the painting, the imprint of the wooden staircase can be seen above the painting.  Most likely it decorated an environment frequented by gladiators, perhaps a bar equipped with an upper floor, intended for the accommodation of the owners of the business or as frequently, especially given the presence of gladiators, intended for prostitutes.

L’affresco di circa 1,12 mt x 1,5mt, rinvenuto in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento, ha forma trapezoidale, in quanto era collocato nel sottoscala, forse di una bottega. Si intravede al di sopra della pittura, l’impronta della scala lignea.  Molto probabilmente decorava un ambiente frequentato da gladiatori, forse una bettola dotata di un piano superiore, destinato ad alloggio dei proprietari dell’esercizio commerciale o come di frequente, soprattutto vista la presenza di gladiatori, destinato alle prostitute.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Vedi http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

The fresco of about 1.12m x 1.5m, found in an environment behind the wide intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze d’Argento, has the shape of a trapezoid, as it was placed under the stairs, perhaps of a workshop. Above the painting, the imprint of the wooden staircase can be seen above the painting.  Most likely it decorated an environment frequented by gladiators, perhaps a bar equipped with an upper floor, intended for the accommodation of the owners of the business or as frequently, especially given the presence of gladiators, intended for prostitutes.

 

L’affresco di circa 1,12 mt x 1,5mt, rinvenuto in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento, ha forma trapezoidale, in quanto era collocato nel sottoscala, forse di una bottega. Si intravede al di sopra della pittura, l’impronta della scala lignea.  Molto probabilmente decorava un ambiente frequentato da gladiatori, forse una bettola dotata di un piano superiore, destinato ad alloggio dei proprietari dell’esercizio commerciale o come di frequente, soprattutto vista la presenza di gladiatori, destinato alle prostitute.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.


Vedi
http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

Massimo Osanna studies the fresco of two gladiators at the end of the fight, one wins the other succumbs.  
It is the scene of the latest fresco found in Pompeii in Regio V, as part of the work of securing and remodulating the excavation fronts, provided for by the Great Pompeii Project. It is the scene of a fight between a "Mirmillo" and a "Thracian", two types of fighters distinct from different armour and classic opponents in gladiatorial fights. The discovery environment is only partially brought to light - on one side emerges another small portion of fresco that reveals the presence of another figure.

Massimo Osanna studia l'affresco di due gladiatori al termine del combattimento, l’uno vince l’altro soccombe. E’ la scena dell’ultimo affresco rinvenuto a Pompei nell’area di cantiere della Regio V, nell’ambito dei lavori di messa in sicurezza e rimodulazione dei fronti di scavo, previsti dal Grande Progetto Pompei. Si tratta della scena di un combattimento tra un “Mirmillone” e un “Trace”, due tipologie di lottatori distinti da armature differenti e classici avversari nelle lotte gladiatorie.
L’ambiente di rinvenimento è solo parzialmente portato in luce - su un lato emerge un'altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Massimo Osanna studies the fresco of two gladiators at the end of the fight, one wins the other succumbs. 

It is the scene of the latest fresco found in Pompeii in Regio V, as part of the work of securing and remodulating the excavation fronts, provided for by the Great Pompeii Project.

It is the scene of a fight between a "Mirmillo" and a "Thracian", two types of fighters distinct from different armour and classic opponents in gladiatorial fights.

The discovery environment is only partially brought to light - on one side emerges another small portion of fresco that reveals the presence of another figure.

 

Massimo Osanna studia l'affresco di due gladiatori al termine del combattimento, l’uno vince l’altro soccombe. E’ la scena dell’ultimo affresco rinvenuto a Pompei nell’area di cantiere della Regio V, nell’ambito dei lavori di messa in sicurezza e rimodulazione dei fronti di scavo, previsti dal Grande Progetto Pompei. Si tratta della scena di un combattimento tra un “Mirmillone” e un “Trace”, due tipologie di lottatori distinti da armature differenti e classici avversari nelle lotte gladiatorie.
L’ambiente di rinvenimento è solo parzialmente portato in luce - su un lato emerge un'altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

A contest between a Mirmillo and a "Thracian", two types of fighters distinct from different armour and classic opponents in gladiatorial fights. 
On a white background, bordered on three sides by a red band, the scene of struggle between the two gladiators is composed. 
On the left is a "Mirmillo" of the "Scutati" category: he wields the offensive weapon, the gladium, (short Roman sword) and a large rectangular shield (scutum) and wears a wide-brimmed helmet equipped with visor with plumes, the cimian. 
The other, in a succumbing position, is a "Thracian", a gladiator of the "Parmularii" category, with the shield on the ground. 
He is represented with a helmet (galea), with wide brim and wide visor to protect the face, topped by a tall crest.

Si tratta della scena di un combattimento tra un “Mirmillone” e un “Trace”, due tipologie di lottatori distinti da armature differenti e classici avversari nelle lotte gladiatorie.
Su uno sfondo bianco, delimitato su tre lati da una fascia rossa, si compone la scena di lotta tra i due gladiatori. Quello sulla sinistra è un “Mirmillone” della categoria degli "Scutati”: impugna l’arma di offesa, il gladium, (corta spada romana) e un grande scudo rettangolare (scutum) e veste un elmo a tesa larga dotato di visiera con pennacchi, il cimiero. L’altro, in posizione soccombente, è un “Trace”, gladiatore della categoria dei "Parmularii”, con lo scudo a terra. È rappresentato con elmo (galea), a tesa larga ed ampia visiera a protezione del volto, sormontato da un alto cimiero.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

A contest between a Mirmillo and a "Thracian", two types of fighters distinct from different armour and classic opponents in gladiatorial fights.

On a white background, bordered on three sides by a red band, the scene of struggle between the two gladiators is composed.

On the left is a "Mirmillo" of the "Scutati" category: he wields the offensive weapon, the gladium, (short Roman sword) and a large rectangular shield (scutum) and wears a wide-brimmed helmet equipped with visor with plumes, the cimian.

The other, in a succumbing position, is a "Thracian", a gladiator of the "Parmularii" category, with the shield on the ground.

He is represented with a helmet (galea), with wide brim and wide visor to protect the face, topped by a tall crest.

Si tratta della scena di un combattimento tra un “Mirmillone” e un “Trace”, due tipologie di lottatori distinti da armature differenti e classici avversari nelle lotte gladiatorie.
Su uno sfondo bianco, delimitato su tre lati da una fascia rossa, si compone la scena di lotta tra i due gladiatori. Quello sulla sinistra è un “Mirmillone” della categoria degli "Scutati”: impugna l’arma di offesa, il gladium, (corta spada romana) e un grande scudo rettangolare (scutum) e veste un elmo a tesa larga dotato di visiera con pennacchi, il cimiero. L’altro, in posizione soccombente, è un “Trace”, gladiatore della categoria dei "Parmularii”, con lo scudo a terra. È rappresentato con elmo (galea), a tesa larga ed ampia visiera a protezione del volto, sormontato da un alto cimiero.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Two gladiators at the end of the fight, one wins the other succumbs.
The fresco of about 1.12 meters x 1.5 meters, found in a room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento, has a trapezoidal shape, as it was located in the basement, perhaps of a shop. Above the painting we can see the imprint of the wooden staircase. 

It is very likely that this place was frequented by gladiators, it is in the Regio V, not far from the caserma dei gladiatori from where, among other things, come the highest number of graffiti inscriptions related to their world. In this gladiatorial fresco of a Murmillo and a Thracian, of particular interest is the extremely realistic representation of the wounds, such as that on the wrist and chest of the succumbing gladiator, which let out the blood that also bathes the legs.  We don't know what the final outcome of this fight was. You could die or have grace. In this case there is a singular gesture that the wounded Thracian makes with the hand, perhaps, to plead for salvation; it is the gesture of ad locutia, usually made by the emperor or the general to grant grace.

Due gladiatori al termine del combattimento, l’uno vince l’altro soccombe
L’affresco di circa 1,12 mt x 1,5mt, rinvenuto in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento, ha forma trapezoidale, in quanto era collocato nel sottoscala, forse di una bottega. Si intravede al di sopra della pittura, l’impronta della scala lignea.

E’ molto probabile che questo luogo fosse frequentato da gladiatori. Siamo nella Regio V, non lontani dalla caserma dei gladiatori da dove, tra l’altro, provengono il numero più alto di iscrizioni graffite riferite a questo mondo. In questo affresco di un Mirmillone e un Trace, di particolare interesse è la rappresentazione estremamente realistica delle ferite, come quella al polso e al petto del gladiatore soccombente, che lascia fuoriuscire il sangue e bagna i gambali.  Non sappiamo quale fosse l’esito finale di questo combattimento. Si poteva morire o avere la grazia. In questo caso c’è un gesto singolare che il trace ferito fa con la mano, forse, per implorare salvezza; è il gesto di ad locutia, abitualmente fatto dall’imperatore o dal generale per concedere la grazia.
http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Two gladiators at the end of the fight, one wins the other succumbs.

The fresco of about 1.12 meters x 1.5 meters, found in a room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento, has a trapezoidal shape, as it was located in the basement, perhaps of a shop. Above the painting we can see the imprint of the wooden staircase.

 

It is very likely that this place was frequented by gladiators, it is in the Regio V, not far from the caserma dei gladiatori from where, among other things, come the highest number of graffiti inscriptions related to their world. In this gladiatorial fresco of a Murmillo and a Thracian, of particular interest is the extremely realistic representation of the wounds, such as that on the wrist and chest of the succumbing gladiator, which let out the blood that also bathes the legs.  We don't know what the final outcome of this fight was. You could die or have grace. In this case there is a singular gesture that the wounded Thracian makes with the hand, perhaps, to plead for salvation; it is the gesture of ad locutia, usually made by the emperor or the general to grant grace.

 

Due gladiatori al termine del combattimento, l’uno vince l’altro soccombe

L’affresco di circa 1,12 mt x 1,5mt, rinvenuto in un ambiente alle spalle dello slargo di incrocio tra il Vicolo dei Balconi e il vicolo delle Nozze d’Argento, ha forma trapezoidale, in quanto era collocato nel sottoscala, forse di una bottega. Si intravede al di sopra della pittura, l’impronta della scala lignea.

 

E’ molto probabile che questo luogo fosse frequentato da gladiatori. Siamo nella Regio V, non lontani dalla caserma dei gladiatori da dove, tra l’altro, provengono il numero più alto di iscrizioni graffite riferite a questo mondo. In questo affresco di un Mirmillone e un Trace, di particolare interesse è la rappresentazione estremamente realistica delle ferite, come quella al polso e al petto del gladiatore soccombente, che lascia fuoriuscire il sangue e bagna i gambali.  Non sappiamo quale fosse l’esito finale di questo combattimento. Si poteva morire o avere la grazia. In questo caso c’è un gesto singolare che il trace ferito fa con la mano, forse, per implorare salvezza; è il gesto di ad locutia, abitualmente fatto dall’imperatore o dal generale per concedere la grazia.

http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Detail of the "Mirmillo" of the "Scutati" category: he wields the offensive weapon, the gladium, (short Roman sword) and a large rectangular shield (scutum) and wears a wide-brimmed helmet equipped with visor with plumes, the cimian. 

Dettaglio del “Mirmillone” della categoria degli "Scutati”: impugna l’arma di offesa, il gladium, (corta spada romana) e un grande scudo rettangolare (scutum) e veste un elmo a tesa larga dotato di visiera con pennacchi, il cimiero.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Detail of the "Mirmillo" of the "Scutati" category: he wields the offensive weapon, the gladium, (short Roman sword) and a large rectangular shield (scutum) and wears a wide-brimmed helmet equipped with visor with plumes, the cimian.

 

Dettaglio del “Mirmillone” della categoria degli "Scutati”: impugna l’arma di offesa, il gladium, (corta spada romana) e un grande scudo rettangolare (scutum) e veste un elmo a tesa larga dotato di visiera con pennacchi, il cimiero.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

The other, in a succumbing position, is a "Thracian", a gladiator of the "Parmularii" category, with the shield on the ground. 
He is represented with a helmet (galea), with wide brim and wide visor to protect the face, topped by a tall crest.

L’altro, in posizione soccombente, è un “Trace”, gladiatore della categoria dei "Parmularii”, con lo scudo a terra. È rappresentato con elmo (galea), a tesa larga ed ampia visiera a protezione del volto, sormontato da un alto cimiero.

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

The other, in a succumbing position, is a "Thracian", a gladiator of the "Parmularii" category, with the shield on the ground.

He is represented with a helmet (galea), with wide brim and wide visor to protect the face, topped by a tall crest.

L’altro, in posizione soccombente, è un “Trace”, gladiatore della categoria dei "Parmularii”, con lo scudo a terra. È rappresentato con elmo (galea), a tesa larga ed ampia visiera a protezione del volto, sormontato da un alto cimiero.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento 
The discovery environment is only partially brought to light - on one side emerges another small portion of fresco that reveals the presence of another figure
L’ambiente di rinvenimento è solo parzialmente portato in luce - su un lato emerge un'altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura.
http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento

The discovery environment is only partially brought to light - on one side emerges another small portion of fresco that reveals the presence of another figure

L’ambiente di rinvenimento è solo parzialmente portato in luce - su un lato emerge un'altra piccola porzione di affresco che rivela la presenza di un’altra figura.

http://pompeiisites.org/comunicati/laffresco-dei-gladiatori-combattenti-nuova-scoperta-nella-regio-v/

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

Room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento 
Plan of wall with fresco of two gladiators fighting.
Piano di muro con l’Affresco dei Gladiatori Combattenti.
Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

Room behind the widening of the intersection of the Vicolo dei Balconi and the Vicolo delle Nozze D’Argento

Plan of wall with fresco of two gladiators fighting.

 

Piano di muro con l’Affresco dei Gladiatori Combattenti.

 

Photograph © Parco Archeologico di Pompei.

 

 

 

 

The low resolution pictures on this site are copyright © of Jackie and Bob Dunn and MAY NOT IN ANY CIRCUMSTANCES BE USED FOR GAIN OR REWARD COMMERCIALLY. On concession of the Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. It is declared that no reproduction or duplication can be considered legitimate without the written authorization of the Parco Archeologico di Pompei.

Le immagini fotografiche a bassa risoluzione pubblicate su questo web site sono copyright © di Jackie e Bob Dunn E NON POSSONO ESSERE UTILIZZATE, IN ALCUNA CIRCOSTANZA, PER GUADAGNO O RICOMPENSA COMMERCIALMENTE. Su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Parco Archeologico di Pompei. Si comunica che nessun riproduzione o duplicazione può considerarsi legittimo senza l'autorizzazione scritta del Parco Archeologico di Pompei.

Ultimo aggiornamento - Last updated: 24-Nov-2019 13:01